“Cari figli, quando sulla terra viene a mancare l’amore, quando non si trova la via della salvezza, io, la Madre, vengo ad aiutarvi a conoscere la vera fede, viva e profonda; ad aiutarvi ad amare davvero. Come Madre, anelo al vostro amore reciproco, alla bontà e alla pur...Leggi tutto...

Pellegrinaggi a Medjugorie

A.H. Antonioli Viaggi da ormai 20 anni organizza Pellegrinaggi a Medjugorje con autobus gran turismo o minibus.

Il programma base è di 6 giorni, cinque notti.

 

 

PELLEGRINAGGI A PARTIRE

DA 300.00 €

Tutto Compreso

entra e vedi i dettagli

e il prossimo viaggio

Pellegrinaggi Organizzati

Organizziamo principalmente pellegrinaggi a Medjugorje, ma anche pellegrinaggi in tutta Italia e in Europa, a Lourdes, Fatima, San Giovanni Rotondo, Assisi e Roma.

Se sei interessato lascia un tuo recapito, ti aggiorneremo sui pellegrinaggi in programmazione

 

CONTATTACI  

è semplice: basta compilare il modulo con i tuoi dati, ti richiamiamo senza impegno per informazioni!

Ultimo Messaggio

Messaggio del 2 gennaio 2018 a Mirijana

“Cari figli, quando sulla terra viene a mancare l’amore, quando non si trova la via della salvezza, io, la Madre, vengo ad aiutarvi a conoscere la vera fede, viva e profonda; ad aiutarvi ad amare davvero. Come Madre, anelo al vostro amore reciproco, alla bontà e alla purezza. È mio desiderio che siate giusti e che vi amiate. Figli miei, siate gioiosi nell’animo, siate puri, siate bambini! Mio Figlio ha detto che ama stare tra i cuori puri, perché i cuori puri sono sempre giovani e lieti. Mio Figlio vi ha detto di perdonare e di amarvi. So che non è sempre facile: la sofferenza fa sì che cresciate nello spirito. Per crescere il più possibile spiritualmente, dovete perdonare ed amare sinceramente e veramente. Molti miei figli sulla terra non conoscono mio Figlio, non lo amano. Ma voi, che amate mio Figlio e lo portate in cuore, pregate, pregate e, pregando, percepite mio Figlio accanto a voi: la vostra anima respiri il suo Spirito! Io sono in mezzo a voi e parlo di piccole e grandi cose. Non mi stancherò di parlarvi di mio Figlio, amore vero. Perciò, figli miei, apritemi i vostri cuori, permettetemi di guidarvi maternamente. Siate apostoli dell’amore di mio Figlio e del mio. Come Madre vi prego: non dimenticate coloro che mio Figlio ha chiamato a guidarvi. Portateli nel cuore e pregate per loro. Vi ringrazio!”

20150405_125223
IMG-20170930-WA0015
21. Mladifest 27
Radio Maria

RSS Feed

Newsletter di P. Livio - 18 Gennaio 2018

MARIA MADRE DI OGNI UOMO

Radio Maria

Cari amici,

Come farà Dio a pensare proprio a me, dal momento che ci sono così tanti uomini sulla terra? 

E’ una domanda che molti si pongono e poi concludono chiudendosi in uno sconsolato scetticismo. Da una parte sentono Dio lontano, nascosto oltre le immensità celesti e disinteressato per ciò che accade sotto il sole. Dall’altra non riescono ad immaginare che qualcuno possa occuparsi personalmente di loro in un mondo dove l’indifferenza regna sovrana. 

Tuttavia è impossibile che Dio non conosca e non si interessi per ognuna delle sue creature, in particolare dell’uomo creato a sua immagine. Infatti, se noi esistiamo ciò è dovuto al fatto che, istante dopo istante, l’Onnipotente ci fa vivere, traendoci dall’abisso del nulla alla luce dell’essere. Se Dio non ci pensasse e non ci volesse anche per un solo momento, noi cesseremmo immediatamente di esistere. Egli ci tiene costantemente nel palmo della sua mano, dalla quale nessuno può divincolarsi. O siamo nella mano della sua misericordia o in quella della sua giustizia, osservava S. Caterina da Siena. 

Anche la Madonna, pur essendo una creatura, ci conosce tutti, uno per uno, e si prende cura come se ognuno di noi fosse il suo figlio unico. Tutti sono presenti nella loro irripetibile identità al suo cuore materno e non può assolutamente accadere che Lei si dimentichi di un solo uomo che il Figlio le ha affidato.  Infatti, nel momento del suo concepimento, ogni essere umano è dato in consegna  a Maria, secondo il desiderio di Gesù sulla croce: “Donna, ecco il tuo figlio!” (Gv 19,26). 

Maria ha un cuore grande quanto l’amore sconfinato di cui l’Onnipotente l’ha ricolmata e può raccogliere in esso tutti gli uomini di tutti i luoghi e di tempi. Se le madri umane, per quanti figli possano generare, li conoscono tutti uno ad uno senza confonderli, tanto più Maria, che genera ognuno dei suoi figli alla luce della grazia, li conosce nei loro tratti inconfondibili e si occupa di loro, senza perderli mai di vista. 

Scoprire la presenza di Maria nella propria vita come Madre amorosa che ci stringe al cuore con un amore unico e fedele è una delle grazie più grandi della vita. Abbiamo infatti trovato il mezzo più facile per  incontrare Gesù e divenire suoi amici. E’ una grazia che la Madonna ci concede volentieri se abbiamo l’umiltà di chiederla. 

 

Vostro Padre Livio

 

 

SIMONI CARD. ERNEST (Vatican Press)

Image

Il Cardinale Ernest Simoni, Presbitero dell’Arcidiocesi di Shkodrë-Pult (Scutari – Albania), è nato a Scutari il 18 ottobre 1928. dopo le scuole regolari ha frequentato il liceo del Collegio francescano Illiricum. Ordinato sacerdote l’8 aprile 1956, per oltre sette anni ha guidato le parrocchie di Kabash, Pukë, Kukël, Gocaj, Barbullush, Mal i Jushit, Torovicë e Sumë. Un’esperienza che ne ha formato il carattere e il dinamismo pastorale, tanto che ancora oggi, nonostante l’età, continua a girare nei villaggi dell’Albania per svolgere la sua missione, in particolare nelle parrocchie di Barbullush e di Trush, a Fushë Arrëz.
Considerato un “nemico del popolo” ai tempi della dittatura comunista di Enver Hoxha, è stato arrestato nella notte di Natale del 1963, mentre celebrava la messa a Barbullush, e confinato in una cella d’isolamento con una condanna a diciotto anni. Ai suoi compagni di prigionia gli aguzzini hanno ordinato di registrare la sua “prevedibile rabbia” contro il regime, ma dalla bocca del sacerdote sono uscite sempre e solo parole di perdono e di preghiera. 

Anche in questa drammatica situazione non ha perso la fede e non ha mai interrotto il suo ministero sacerdotale. È persino riuscito a celebrare ogni giorno di nascosto la messa e ha confessato gli altri carcerati, divenendo padre spirituale di alcuni di loro e distribuendo anche la comunione, con un’ostia cotta di nascosto su piccoli fornelli, mentre per il vino ha fatto ricorso al succo dei chicchi d’uva. È stato definitivamente liberato il 5 settembre 1990. Appena fuori dal carcere, ha confermato il perdono ai suoi aguzzini, invocando per loro la misericordia del Padre. La sua nomina cardinalizia, ha tenuto a precisare, è un riconoscimento per tutti i martiri e i cattolici perseguitati nella sua terra. Tra i quali c’è anche il primo cardinale albanese della storia, creato nel 1994 da Giovanni Paolo II: Mikel Koliqi (1902-1997), suo concittadino di Scutari e come lui a lungo imprigionato nelle carceri del regime, dove ha scontato ben trentuno anni di detenzione.

Secondo albanese a ricevere la porpora, il card. Simoni ha commosso il mondo e, in particolare, Papa Francesco quando, il 21 settembre 2014, nella Cattedrale di Tirana, ha raccontato davanti al Pontefice le violenze e le vessazioni subite per ventisette anni durante la dittatura comunista.

Da Papa Francesco creato e pubblicato Cardinale nel Concistoro del 19 novembre 2016,
della Diaconia di Santa Maria della Scala.

Image
            
    Image    Image
 

TI PRESENTIAMO IL CANALE YOUTUBE DI RADIO MARIA
Image

Visita il canale YouTube di Radio Maria per visualizzare e scaricare tutti i DVD della catechesi giovanile di Padre Livio e molto altro ancora!
Accedi direttamente dalla nostra homepage www.radiomaria.it

 
Nuovi Progetti








L'eroismo delle origini

di P. Livio con Diego Manetti - EDIZIONI PIEMME

 
Image

Cosa è davvero accaduto a Medjugorje fra il 1981 e il 1984?
Un'indagine precisa, documentata e circostanziata del direttore di Radio Maria svela i frutti di pace, guarigione e conversione di uno dei luoghi di pellegrinaggio più visitati al mondo.

Cosa è davvero accaduto a Medjugorje fra il 1981 e il 1984? Cosa significarono i primi tempi delle apparizioni nel contesto di un paese comunista che mise a dura prova i veggenti? Aneddoti, testimonianze e curiosità si intrecciano, nel racconto di padre Livio, ai messaggi più significativi della Madonna nei primi tre anni: quelli sulla conversione, sul demonio, sul digiuno, sulla penitenza e la preghiera... messaggi che la "commissione Ruini" sembra aver riconosciuto nella loro autenticità.

Dopo oltre 36 anni, la Regina della Pace continua ad apparire a Medjugorje. O, almeno, così asseriscono i sei veggenti che, dal 1981, hanno visto la Madonna decine di migliaia di volte e che, nel frattempo, sono cresciuti, si sono sposati, sono diventati genitori. Il flusso di fedeli e pellegrini ha continuato a crescere, oltrepassando il totale di 2 milioni e mezzo all'anno; le conversioni sono numerosissime, oltre 400 i casi di guarigioni inspiegabili accuratamente documentati, circa 600 vocazioni alla vita sacerdotale e religiosa.

Per esprimersi sul fenomeno nel suo complesso, padre Livio invita a guardare ai frutti e al seme di quest'albero miracoloso, che ormai ha esteso i suoi rami fino ai confini del mondo. E, per guardare al seme, occorre andare alle origini, individuando un periodo iniziale che possa essere oggetto di indagine approfondita. Se tale inchiesta condurrà a un esito positivo, vorrà dire che, oltre ai buoni frutti, anche il seme da cui quest'albero è sorto è in sé buono, e ciò permetterà, forse, di potersi ragionevolmente esprimere in maniera positiva sulla credibilità delle apparizioni di Medjugorje nel loro complesso.

Inizia a prenotare il libro ai nostri uffici: telefono 031610600 – mail info.ita@radiomaria.org
Lo troverai a breve anche nel nostro catalogo online

 
Image

VENERDI 19 GENNAIO 2018 alle ore 21.25 in diretta su Radio Maria

 “CATECHESI GIOVANILE DI P. LIVIO”

tema della serata “La Storia umana è storia della salvezza"

Image
 
 
Image
 
Leggi l'articolo...

Editoriale di P. Livio
"CUORI PURI SEMPRE GIOVANI E LIETI"
(home page www.radiomaria.it)

Cari amici, 

la Regina della pace nel messaggio di inizio anno attraverso Mirjana, ci invita ad una fede che sia vita, in modo tale da essere persone nuove con un cuore nuovo. Senza questa trasformazione interiore, saremmo cristiani solo di facciata, che non pensano e non vivono da cristiani. Saremmo nel medesimo tempo dei testimoni poco credibili, incapaci di irradiare Gesù Cristo. La Madonna vuole che i suoi apostoli siano persone che si sforzano di avere un cuore puro, nel quale dimora l'amore di Dio. Questo è l'obbiettivo del cammino di conversione, lungo il quale dobbiamo tagliare le radici del male. E' infatti dal cuore, come insegna Gesù, che esce il male che inquina il mondo: "Dal cuore degli uomini escono i propositi di male: impurità, furti, omicidi, adultèri, avidità, malvagità, inganno, dissolutezza, invidia, calunnia, superbia, stoltezza. Tutte queste cose cattive vengono fuori dall'interno e rendono impuro l'uomo" (Marco 7,21,23). La Madonna sa che questo cammino di purificazione del cuore non è facile, perché occorre rinunciare a se stessi, mortificare i desideri dell'io egoistico, rinunciare alla fame di mondo; tagliare la testa ad ognuno dei sette vizi capitali. Siamo però sorretti dalla preghiera e dalla grazia e confortati dalla gioia nel constatare che diventiamo ogni giorno di più delle persone buone, umili, generose e capaci di amare. Non si può diventare cristiani senza questo combattimento spirituale quotidiano, al termine del quale sperimentiamo la dolce amicizia di Gesù: 
"Mio Figlio ha detto che ama stare tra i cuori puri, 
perché i cuori puri sono sempre giovani e lieti".

Vostro Padre Livio


Risultati immagini per mirjana p. livio


TESTO del COMMENTO di P. LIVIO al MESSAGGIO della REGINA della PACE  a MIRJANA di MEDJUGORJE - 2 gennaio 2018

"Cari figli, 
quando sulla terra viene a mancare l’amore, quando non si trova la via della salvezza, io, la Madre, vengo ad aiutarvi a conoscere la vera fede, viva e profonda; ad aiutarvi ad amare davvero. 
Come Madre, anelo al vostro amore reciproco, alla bontà e alla purezza. È mio desiderio che siate giusti e che vi amiate. 
Figli miei, siate gioiosi nell’animo, siate puri, siate bambini! 
Mio Figlio ha detto che ama stare tra i cuori puri, perché i cuori puri sono sempre giovani e lieti. 
Mio Figlio vi ha detto di perdonare e di amarvi. So che non è sempre facile: la sofferenza fa sì che cresciate nello spirito. 
Per crescere il più possibile spiritualmente, dovete perdonare ed amare sinceramente e veramente. 
Molti miei figli sulla terra non conoscono mio Figlio, non Lo amano. Ma voi, che amate mio Figlio e Lo portate nel cuore, pregate, pregate e, pregando, percepite mio Figlio accanto a voi: la vostra anima respiri il suo Spirito! 
Io sono in mezzo a voi e parlo di piccole e grandi cose. 
Non mi stancherò di parlarvi di mio Figlio, amore vero. 
Perciò, figli miei, apritemi i vostri cuori, permettetemi di guidarvi maternamente. Siate apostoli dell’amore di mio Figlio e del mio.
Come Madre vi prego: non dimenticate coloro che mio Figlio ha chiamato a guidarvi. Portateli nel cuore e pregate per loro. 
Vi ringrazio!"


Testo del commento di Padre Livio

Come vedete, mentre i messaggi del 25 del mese sono più stringati e sono rivolti alla Parrocchia e alla Chiesa, i messaggi del 2 del mese sono delle vere e proprie catechesi della Madonna rivolte a tutti gli uomini, perché tutti sono suoi figli, anche coloro che non conoscono Suo Figlio e non Lo amano e che Lei tende ad avvicinare a suo Figlio attraverso di noi. 
Noi che viviamo Suo Figlio, che viviamo in modo profondo la fede e l'amore, attraverso la santità della vita, la gioia, la purezza, il sorriso da bambini, possiamo portare quella luce, quella grazia che possono avvicinare le persone che hanno perso la strada, che hanno perso il senso della vita, che si aggirano nel labirinto dell'effimero senza trovare una via d'uscita.
Vi consiglio di leggere questo messaggio, frase per frase, perché ogni frase è un poema e racchiude verità straordinarie. Ogni frase trabocca dal Cuore di Maria che è pieno di bontà, di sapienza, di amore materno.
 

Nella prima frase la Madonna spiega il perché di questa sua lunga presenza in mezzo a noi. A molti questa presenza da così tanto tempo dà un po' fastidio e dicono: “abbiamo già la Scrittura, abbiamo già il Vangelo, abbiamo già la Chiesa”. Sarebbe meglio chiedersi quale sia il motivo della Sua lunga presenza... 

La Madonna ci ha detto più volte che è venuta per risvegliare la fede, per risvegliare la Chiesa, per darci gli strumenti per la pace nel mondo che è a rischio di autodistruzione, è qui per insegnarci a pregare.
Ha dato una serie di motivazioni convergenti sulla Sua Presenza in mezzo a noi dove praticamente ci dice: “sono qui perché avete perso mio Figlio e sono qui per indicarvi la strada per trovarLo”. 

Oggi la Madonna dice: “quando sulla terra viene a mancare l’amore”, e cioè nel mondo domina l'egoismo, l'odio, la cupidigia, la violenza, domina il principe di questo mondo che è menzognero e omicida, “io sono qui proprio perché nel mondo manca l’amore”, cioè mancano i cuori che accolgono l'amore, mancano i cuori che si aprono all'amore di Gesù, all'amore di Dio, quell'amore che noi accogliendo portiamo agli altri. 
“Quando non si trova la via della salvezza, io, la Madre, vengo ad aiutarvi a conoscere la vera fede, viva e profonda”. La Madonna è qui, perché la gente vaga nel labirinto dell'effimero e della perdizione, della rovina anche sotto il profilo della stessa sopravvivenza del pianeta, proprio perché il mondo è allo sbando e gli uomini stanno costruendo l'inferno su questa terra. 

La Madonna non è solo Madre della Chiesa, ma dell'intera umanità e ci aiuta a conoscere la vera fede, non la fede fai da te, la fede di comodo, come ce la stiamo confezionando noi che eliminiamo tutte le verità di fede che ci danno fastidio e che riduciamo la fede a: ”eh sì, magari ci sarà qualcosa”, “Eh si, ci dev'essere qualcuno!” Questa non è vera fede, questa non è neanche un'infarinatura.

È qui per farci conoscere la vera fede che è la luce della vita, che è viva, che infonde la vita, che è un vero incontro con Gesù! Ed è qui per aiutarci: “ad aiutarvi ad amare davvero”, e come si fa ad amare per davvero? 
Dando agli altri quell'amore che Dio dà a noi. 

Ecco la seconda frase: “come Madre, anelo al vostro amore reciproco, alla bontà e alla purezza”. “Son qui, perché voglio che fra voi vi amiate, voglio che siate persone buone, voglio che siate persone pure”. 
“È mio desiderio che siate giusti e che vi amiate”. 
La Madonna è qui perché vuole che ci amiamo reciprocamente, che siamo persone buone, persone pure, persone giuste. La parola “giusto” è una parola biblica che indica colui che fa in tutto e per tutto la volontà di Dio. 

“Figli miei, siate gioiosi nell’animo, siate puri, siate bambini!” La felicità non è una chimera, ma sta nella fede in Gesù Cristo, nella fede in Dio! Fuori dalla fede in Dio c'è solo il vuoto. La Madonna ci invita a essere gioiosi nell’animo e puri di cuore, non nidi di vipere, ma ad avere un cuore dove abita Dio, abita l'amore; “siate bambini”, perché i bambini sono semplici e sinceri, non sono calcolatori, non sono persone che ingannano, non sono persone che cercano di essere più furbe degli altri. 

Poi la Madonna dice quali sono i cuori che desidera presentare a suo Figlio Gesù: “Mio Figlio ha detto che ama stare tra i cuori puri”, la parola “puro”, indica un cuore purificato da tutte le passioni. Le passioni sono: superbia, avarizia, lussuria, ira, gola, invidia, accidia.
Sottolineo la “lussuria”, perché oggi si presenta la lussuria come fonte di felicità! Invece è semplicemente fonte di schiavitù. Quando la Madonna dice: “cuori puri”, indica tutti i 7 vizi capitali, ma in particolare la “lussuria”, che rende impuri gli uomini forse più degli altri vizi; “perché i cuori puri sono sempre giovani e lieti”, altro che andare negli istituti di bellezza, quando si iniziano a vedere le prime rughe. 
La perenne giovinezza, la perenne letizia, sta nell'avere l’amore di Dio nel cuore! Un cuore purificato dalle passioni è un cuore sempre giovane, è un cuore lieto, un cuore felice, un cuore umile, un cuore disponibile, un cuore buono, un cuore puro come quello dei bambini. 

Poi la Madonna risponde alla nostra obiezione “ma è troppo difficile oggi”, e dice: “so che non è sempre facile: la sofferenza”, la sofferenza può essere quella che subiamo, ma anche quella che viene dalla rinuncia all'effimero, dalla rinuncia alle passioni, dai sacrifici e la sofferenza non è qualcosa di distruttivo, ma “fa sì che cresciate nello spirito”. 

Poi la Madonna ci indica una delle espressioni più nobili dell'amore: “per crescere il più possibile spiritualmente, dovete perdonare ed amare sinceramente e veramente”. Il perdono è distintivo del Cristianesimo, il perdono che Dio dà a noi e il perdono che noi diamo agli altri, è il perdono di cui ci ha dato l'esempio Gesù in Croce: “Padre perdona loro perché non sanno quello che fanno”. 

Dopo averci detto cosa vuole da noi, si rivolge agli altri suoi figli, “Molti miei figli sulla terra non conoscono mio Figlio, non lo amano”, non dice niente contro di loro, però dice quello che noi dovremmo fare per loro: “ma voi, che amate mio Figlio e Lo portate nel cuore”, chiediamoci se Lo amiamo e Lo portiamo nel cuore, “pregate, pregate e, pregando, percepite mio Figlio accanto a voi”, dobbiamo pregare, pregare per loro e trasmettere Gesù a loro come noi lo abbiamo assimilato e dice: “la vostra anima respiri il suo Spirito!” Gesù in noi ci irradia col Suo amore, con la Sua luce, con la Sua pace, con la Sua gioia. 
Poi la Madonna dice: “Io sono in mezzo a voi e parlo di piccole e grandi cose”, quelle che riguardano la nostra vita quotidiana e quelle dei grandi eventi del mondo. Verrà anche il tempo dei segreti, quelli sono le grandi cose, però attenzione, “non mi stancherò di parlarvi di mio Figlio, amore vero”, come dire che starà ancora molto tempo con noi. La Madonna, attraverso la veggente Vicka, ha fatto sapere che rimarrà con noi, in Apparizioni quotidiane, almeno per uno dei veggenti, per tutto il tempo dei dieci segreti.
E le persone che hanno avversione per Medjugorje e sperano che la Madonna tolga il disturbo con la sua presenza e i suoi messaggi, sappiano che la Madonna ci fa sapere all'inizio del nuovo anno che: “Non mi stancherò di parlarvi di mio Figlio”. Dio sa quanto ne abbiamo bisogno! Quanto ne hanno bisogno gli uomini! 

“Perciò, figli miei, apritemi i vostri cuori ”, “sto parlando di mio Figlio, sto portandoveLo”, “permettetemi di guidarvi maternamente”.
Viene ad aiutarci, ma molti dicono: “stai in cielo, stai zitta perché qui facciamo noi! “Io sto con voi e parlo di tutto ciò di cui avete bisogno, però voi apritemi i vostri cuori, mettete in pratica i miei messaggi ”. 
“Siate apostoli dell’amore di mio Figlio e del mio amore materno”, dunque la Madonna ci manda alla missione fra quelli che non conoscono suo Figlio, ci dice di pregare per loro e di irradiare suo Figlio, effondendo su coloro che non conoscono Gesù, la gioia, la pace, la fede, la luce, la sapienza, il perdono. Diciamo a chi non conosce Gesù quanto sono amati, perché siamo tutti suoi figli, tutti figli di Maria, tutti fratelli di Gesù. 

Poi si rivolge ai pastori della Chiesa, al Papa, ai Vescovi ai Sacerdoti che molte volte sono sotto il bombardamento delle male lingue: “Come Madre vi prego: non dimenticate coloro che mio Figlio ha chiamato a guidarvi”. Come dice Papa Francesco: “non dimenticate di pregare per me”. “Portateli nel cuore e pregate per loro”. Anche quando non si comportano bene, perché il diavolo fa sempre la sua parte e attacca i ministri di Dio, anche in questi casi guardiamoli con compassione, non puntiamo il dito e preghiamo per loro! 
“Vi ringrazio!”

 
ASCOLTA L'AUDIO DEL COMMENTO AL MESSAGGIO DI P. LIVIO






In prossima uscita l'ultima novità editoriale 
di P. Livio con Diego Manetti: 
L'EROISMO DELLE ORIGINI" (Edizioni PIEMME)

Puoi prenotarlo ai nostri uffici chiamando allo 031-610600, email info.ita@radiomaria.org

oppure lo troverai a breve nel nostro catalogo www.radiomaria.it





Visita il canale YouTube di Radio Maria per visualizzare e scaricare tutti i DVD della catechesi giovanile di Padre Livio e molto altro ancora!

 

 

 alla prossima newsletter!

Leggi l'articolo...

Apparizione annuale a Jakov Colo - 25 Dicembre 2017

Nell'ultima apparizione quotidiana del 12 Settembre 1998 la Madonna ha detto a Jakov Colo che avrebbe avuto l'apparizione una volta all'anno, il 25 Dicembre, a Natale. Così è avvenuto anche quest'anno. La Madonna e venuta con il Bambino Gesu tra le braccia. L'apparizione è iniziata alle 14:07 ed è durata 10 minuti. Jakov, dopo di che, ha trasmesso il messaggio:

"Cari figli! Oggi, in questo giorno di grazia, vi invito a chiedere al Signore il dono della fede. Figli miei, decidetevi per Dio e iniziate a vivere e a credere in ciò a cui Dio vi invita. Credere, figli miei, significa abbandonare le vostre vite nelle mani di Dio, nelle mani del Signore che vi ha creati e che vi ama immensamente. Non siate credenti soltanto con le parole ma vivete e testimoniate la vostra fede attraverso le opere e con il vostro esempio personale. Parlate con Dio come con il vostro Padre.
Aprite e offrite i vostri cuori a Lui e vedrete come i vostri cuori cambieranno e
potrete ammirare le opere di Dio nella vostra vita. Figli miei, non c'è vita senza Dio e perciò come vostra Madre intercedo e prego mio Figlio affinché rinnovi i vostri cuori e riempia la vostra vita con il Suo amore immenso."


Messaggio della Regina della pace a Marija del 25 Dicembre 2017

"Cari figli! Oggi vi porto mio Figlio Gesù, affinché vi doni la Sua pace e la Sua benedizione. Figlioli, vi invito tutti a vivere e testimoniare le grazie e i doni che avete ricevuto. Non temete! Pregate affinché lo Spirito Santo vi dia la forza di essere testimoni gioiosi e uomini di pace e di speranza. Figlioli siate benedizione. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

Ascolta l'audio del commento al messaggio 

 




Testo della telefonata tra la veggente Marija e P. Livio


Marija: Come ad ogni Natale, la Madonna è venuta con i vestiti dorati, molto più ricchi e belli, e con Gesù Bambino in braccio. Il piccolino Gesù era dentro il grande velo della Madonna, come un bambino appena nato. E’ stata un’apparizione senza cose particolari, molto bella, con le parole del messaggio e con la sua preghiera per la pace, come fa normalmente a Natale che è giornata di pace, e per tutti noi presenti. La Madonna era serena, non aveva un’espressione di gioia, ma sobria, bella, molto spirituale, profonda, contemplativa. 

P. Livio: La Madonna ripete due volte la parola testimonianza: prima ci invita a testimoniare e poi ci chiede di essere testimoni; come se ci volesse dire di portare a tutti questo lieto annuncio del Natale. 

Marija: Esattamente. A me ha colpito che ci ha chiesto di non avere paura (non temete), perché oggi questo mondo è pieno di materialismo, consumismo, egoismo e altre ideologie che stanno portando la nostra vita spirituale a qualcosa di troppo personale. Invece la Madonna ci chiede di testimoniare, di vivere nella gioia la grazia che noi abbiamo ricevuto, senza paura, perché ci guida lo Spirito Santo. Però dobbiamo lasciarci guidare. Tante persone, dice la Madonna, non pregano, non credono, non testimoniano perché sembra che non abbiano più bisogno delle cose spirituali. Lei ci ricorda che senza Dio non abbiamo né gioia, né pace, né futuro. 

P. Livio: La Madonna teme che abbiamo paura di questo ateismo diffuso, della derisione e degli attacchi alla religione, così da restare nel silenzio, non reagire, non andare contro corrente. Invece più volte ci ha detto: "Pregate, lottate contro l’egoismo, il materialismo, il modernismo". 

Marija: Non solo. Guarda cosa è diventato il Natale: corri, corri, sempre in giro... dobbiamo prendere, dobbiamo fare, dobbiamo organizzare. Ma cosa abbiamo costruito spiritualmente? Quanto abbiamo preparato il nostro cuore per l’incontro con Gesù? ... Siamo convinti che in Dio è la nostra pace, in Dio è la nostra speranza, in Dio è la nostra gioia e la nostra vita? Grazie a Gesù noi siamo liberi, ma il mondo vuol portarci a diventare schiavi del consumismo e del materialismo... La Madonna ci chiede di uscire dalla nostra casa, dal nostro egoismo e ci dice: “Andate e testimoniate con la vostra vita”. La mia vita non è una faccenda personale, privata; infatti la Madonna ci sta invitando a testimoniare e ad essere uomini di pace e di speranza... E’ il diavolo che vuole distruggere questa speranza e la gioia di essere di Dio.. Perché noi, quando abbiamo Dio, anche se siamo poveri, siamo ricchi; se siamo malati, siamo sani perché offriamo al Signore la nostra malattia, le nostre croci, le nostre difficoltà. Anche i medici dicono che una persona di fede guarisce più in fretta. 

P. Livio: La Madonna dice di essere testimoni senza paura e anche testimoni gioiosi, perché Gesù è la gioia della vita. 

Marija: Purtroppo tante volte in Chiesa vedi tanta gente seria, triste, che sembra andarci non perché sente il bisogno, ma come un dovere. Invece la Madonna ci chiede di sentire questo bisogno di incontrare Gesù. Chiedevano al Santo Curato d’Ars cosa facesse tutte quelle ore in chiesa. Rispondeva: “Io lo guardo, Lui mi guarda e mi basta”. Se tu sei innamorato di Gesù, è già una cosa importante stare con Lui e guardarLo... 

P. Livio: All’inizio la Madonna chiede a Gesù: "vi doni la sua pace e la sua benedizione" e alla fine dice a noi: "siate benedizione", cioè la nostra vita deve essere benedizione per gli altri. 

Marija: Nel Vangelo, Gesù ci chiede di essere “luce”, di essere “sale”. Ora la Madonna dice: “siate benedizione”. L’incontro con le persone diventa benedizione perché diamo loro speranza, diamo gioia, diamo anche un abbraccio. La nostra testimonianza diventa benedizione per gli altri... La Madonna dice: “Pregate affinché lo Spirito Santo vi dia la forza di essere testimoni gioiosi e uomini di pace e di speranza”. Lo Spirito Santo soffia dove vuole, come e quando vuole. Se noi ci mettiamo nelle sue mani, Lui ci guida; e quando lo Spirito Santo ci guida fa’ tutte le cose nuove. Può cambiare il mondo. La presenza della Madonna col suo amore, la sua dolcezza, è già una anticipazione. Oggi in modo speciale pensiamo alla Sacra Famiglia, con Gesù, Giuseppe e Maria, a cui noi aggiungiamo “siate la salvezza dell’anima mia”. Come a dire: lasciamoci guidare da questa Santa Famiglia e preghiamo perché anche le nostre famiglie diventino sante, perché i mariti, le mogli, i figli diventino santi; e così anche la nostra società diventi santa.. Se noi combattiamo, se noi testimoniamo con gioia, c’è speranza perché a quel punto Dio ci benedirà e noi diventeremo benedizione per gli altri. 

P. Livio: Hai parlato della Sacra Famiglia di Nazareth. Sono uscite recentemente delle testimonianze molto interessanti su suor Lucia di Fatima, la quale ha detto che il più grande attacco che satana sta sferrando all’umanità è proprio l’attacco alla famiglia. 

Marija: Certo, perché il diavolo sa dove puntare; lui sa che colpendo la famiglia distrugge l’umanità... Per questo la Madonna fin dall’inizio ci raccomanda la preghiera e ripete: “Mettete la Sacra Scrittura in un posto visibile nelle vostre famiglie. Leggetela, pregate, fate un altarino nella vostra casa”. Una famiglia che prega, che confida nel Signore, è una famiglia che resiste. Ma una famiglia che non prega, non ha futuro. 

P. Livio: Oggi tanti giovani hanno paura a sposarsi, a prendere impegni definitivi. Che consigli dai loro? 

Marija: Io dico loro di andare contro corrente, di fare il contrario di tutto quello che dice il mondo, di seguire i Comandamenti di Dio. Don Tonino Bello, per il quale si sta aprendo il processo di beatificazione, diceva che la nostra è l’epoca dell’usa e getta. Oramai anche la famiglia, gli uomini, le donne, sono solo un oggetto che si usa e si getta... Invece la Madonna ci sta dicendo che la cosa più preziosa siamo noi, che siamo unici, irripetibili e preziosi agli occhi di Dio. 

P. Livio: In questo giorno della nascita del Salvatore, vorrei ricordare l’usa e getta che noi facciamo di migliaia, milioni, di embrioni che hanno un’anima immortale e che noi distruggiamo. 

Marija: Signore pietà! E’ successo a volte che assieme alla Madonna sono apparsi tantissimi piccoli angeli. Io credo che questi angeli sono tutti bambini indesiderati che sono stati abortiti e hanno trovato nella Madonna la loro mamma... Quando penso al Paradiso, il mio cuore si allarga, perché là non c’è chi è più o meno importante perché in Dio siamo tutti preziosi, tutti unici. 

P. Livio: Mi pare che parlando del peccato di aborto, la Madonna abbia detto che i bambini abortiti sono come piccoli angeli in Cielo. 

Marija: Sì. Noi andiamo contro il peccato, non contro il peccatore, perché il peccatore può convertirsi. Abbiamo visto delle madri convertite diventare pro-life, per la vita. Ma dobbiamo chiaramente dire che l’aborto è peccato, è ammazzare una persona, perché un embrione appena concepito o di una settimana o di tre mesi, è sempre una persona. L’embrione appena concepito ha l’anima spirituale e immortale... Come è bello pensare a Gesù, alla Madonna, pensare al Paradiso! Penso che non siamo coscienti della bellezza di fede che stiamo vivendo, anche per la presenza della Madonna in mezzo a noi. Quanto Dio è misericordioso e buono con noi! Dio ci vuole così tanto bene che in questo momento così difficile ci ha mandato nientemeno che la sua Madre! Lei a Cana ha detto: “Hanno bisogno di vino”. Oggi abbiamo bisogno di gioia, di pace, di speranza, abbiamo bisogno di Dio. Grazie a Dio, Gesù è con noi e non ci abbandona. E’ con noi nella S. Messa, dove Lui si dona a noi. In questi giorni di vacanza, cerchiamo di andare più spesso a Messa, di leggere la Sacra Scrittura, di pregare un po’ di più... Oggi in modo speciale con quel Bambino innocente nella culla che guardiamo con tenerezza. All’apparizione mi veniva da piangere di gioia nel vedere Gesù Bambino così tenero, così bello, così dolce nella mani della Madonna! ... Solo una mamma può vivere intensamente questa esperienza e io lo sono stata per quattro volte: che bellezza, che tenerezza, che gioia...

Marija ha quindi pregato il “Magnificat” e il Gloria. 
Padre Livio ha concluso con la benedizione. 

Marija e P. Livio

Ascolta l'audio della telefonata 

 



Messaggio della Regina della pace a Mirjana del 2 Gennaio 2018

“Cari figli,
quando sulla terra viene a mancare l’amore, quando non si trova la via della salvezza, io, la Madre, vengo ad aiutarvi a conoscere la vera fede, viva e profonda; ad aiutarvi ad amare davvero. Come Madre, anelo al vostro amore reciproco, alla bontà e alla purezza. È mio desiderio che siate giusti e che vi amiate. Figli miei, siate gioiosi nell’animo, siate puri, siate bambini! Mio Figlio ha detto che ama stare tra i cuori puri, perché i cuori puri sono sempre giovani e lieti. Mio Figlio vi ha detto di perdonare e di amarvi. So che non è sempre facile: la sofferenza fa sì che cresciate nello spirito. Per crescere il più possibile spiritualmente, dovete perdonare ed amare sinceramente e veramente. Molti miei figli sulla terra non conoscono mio Figlio, non lo amano. Ma voi, che amate mio Figlio e lo portate in cuore, pregate, pregate e, pregando, percepite mio Figlio accanto a voi: la vostra anima respiri il suo Spirito! Io sono in mezzo a voi e parlo di piccole e grandi cose. Non mi stancherò di parlarvi di mio Figlio, amore vero. Perciò, figli miei, apritemi i vostri cuori, permettetemi di guidarvi maternamente. Siate apostoli dell’amore di mio Figlio e del mio. Come Madre vi prego: non dimenticate coloro che mio Figlio ha chiamato a guidarvi. Portateli nel cuore e pregate per loro. Vi ringrazio!”.


Ascolta l'audio del commento al messaggio




NOVITA' EDITORIALE A CURA DI P. LIVIO CON DIEGO MANETTI: "L'EROISMO DELLE ORIGINI - I primi tre anni a Medjugorje" - Ed. Piemme




Cosa è davvero accaduto a Medjugorje fra il 1981 e il 1984? Cosa significarono i primi tempi delle apparizioni nel contesto di un paese comunista che mise a dura prova i veggenti? Aneddoti, testimonianze e curiosità si intrecciano, nel racconto di padre Livio, ai messaggi più significativi della Madonna nei primi tre anni: quelli sulla conversione, sul demonio, sul digiuno, sulla penitenza e la preghiera... messaggi che la "commissione Ruini" sembra aver riconosciuto nella loro autenticità. Dopo oltre 36 anni, la Regina della Pace continua ad apparire a Medjugorje. O, almeno, così asseriscono i sei veggenti che, dal 1981, hanno visto la Madonna decine di migliaia di volte e che, nel frattempo, sono cresciuti, si sono sposati, sono diventati genitori. Il flusso di fedeli e pellegrini ha continuato a crescere, oltrepassando il totale di 2 milioni e mezzo all'anno; le conversioni sono numerosissime, oltre 400 i casi di guarigioni inspiegabili accuratamente documentati, circa 600 vocazioni alla vita sacerdotale e religiosa. Per esprimersi sul fenomeno nel suo complesso, padre Livio invita a guardare ai frutti e al seme di quest'albero miracoloso, che ormai ha esteso i suoi rami fino ai confini del mondo. E, per guardare al seme, occorre andare alle origini, individuando un periodo iniziale che possa essere oggetto di indagine approfondita. Se tale inchiesta condurrà a un esito positivo, vorrà dire che, oltre ai buoni frutti, anche il seme da cui quest'albero è sorto è in sé buono, e ciò permetterà, forse, di potersi ragionevolmente esprimere in maniera positiva sulla credibilità delle apparizioni di Medjugorje nel loro complesso.

RICHIEDI IL LIBRO AI NOSTRI UFFICI:

Tel. 031-610600

E-mail: info.ita@radiomaria.org

Fax: 031-611288


Durante le vacanze natalizie venite a visitare la sede di Radio Maria ad ERBA: ogni giorno siete i benvenuti nei nostri uffici dove potrete sfogliare il giornalino e i libri di P. Livio; troverete tutto il nostro materiale e potrete sostare in preghiera nella nostra cappella. Con le vostre famiglie, con amici oppure in gruppo, con un pullman. Per maggiori informazioni o prenotazioni contattate l’ufficio informazioni allo 031 610600 - oppure scrivete una e-mail a info.ita@radiomaria.org.

 

 

 

 alla prossima newsletter!

Leggi l'articolo...

Antonioli Hotels

Chiesa di Medjugorie

Viaggi Organizzati

Il Tour Operator Antonioli  si occupa da anni di viaggi organizzati e tour per gruppi di amici.

Visitate il nostro sito e troverete la giusta vacanza per tutti i periodi dell'anno.

www.antoniolihotels.com

Mare d'inverno

Vuoi passare l'inverno in un luogo dal clima mite immerso nella natura? Il nostro villaggio in Sardegna è il luogo ideale dove poter trascorrere piacevoli periodi in compagnia e con la comodità di un albergo. Siamo aperti tutto l'anno. Durante i periodi invernali proponiamo numerose gite ed escursioni per scoprire i tesori artistici e naturali del Sulcis.

www.baia.to

Vacanze Studio

Organizziamo anche vacanze studio per ragazzi, per imparare l'inglese divertendosi. Abbiamo proposte in Inghilterra, negli Stati Uniti e Italia. Un servizio di qualità, un team qualificato di istruttori e di animatori che affiancano i ragazzi in ogni momento della giornata.

www.antoniolihotels.com